twitter facebook

Contenuti

La serie di manuali “La pillola della quiete”

La versione stampata del manuale La pillola della quiete su eutanasia e suicidio assistito è stata pubblicata per la prima volta in inglese nel 2006 con il titolo “The Peaceful Pill Handbook”.*

La versione digitale dell’Ebook La pillola della quiete (sottoscrizione) venne pubblicata per la prima volta in inglese nel 2008

La versione digitale viene aggiornata fino a sei volte all’anno, in modo che i lettori possano sempre restare aggiornati e conoscere le ultime informazioni su eutanasia e suicidio assistito.

Contenuti del manuale

Premessa

Introduzione
La legislazione
Riflessioni sul fine vita
La legislazione in Italia e in altri paesi
Cos’è la pillola della quiete
Il test RP di Exit (affidabilità e tranquillità)
Morte per ipossia e la Exit Bag
Monossido di carbonio
Sali inorganici letali
Morte con detergenti
Introduzione ai farmaci
Morfina e gli oppiacei
Propossifene
Amitriptilina
Clorochina
Insulina
Idrato di cloralio
Nembutal
Reperibilità del Nembutal
Truffe legate al Nembutal
Testare e conservare il Nembutal
Somministrazione del Nembutal
Il progetto “The Peaceful Pill”
Suicidio assistito in Svizzera
Considerazioni finali

A chi è destinato

La versione stampata e quella digitale del manuale La pillola della quiete hanno lo scopo di fornire informazioni su eutanasia e suicidio assistito a persone anziane o gravemente ammalate (p.es. di tumore o sclerosi multipla), ai loro famigliari e amici.

L’età minima per la sottoscrizione all’Ebook La pillola della quiete è di 50 anni.

Aspetti legali

Il manuale La pillola della quiete viene pubblicato con la consapevolezza che il suicidio assistito è illegale nella maggior parte dei paesi occidentali. La richiesta di aiuto a una persona vicina può implicare gravi pene e condanne per quella persona.

Tuttavia, se qualcuno decide di elaborare un piano per conto suo – nella speranza che non debba mai farne uso ma con il conforto di sapere che l’opzione ci sia – gli amici e i famigliari resteranno tutelati, poiché un suicidio razionale non è un reato.

La possibilità di prendere delle decisioni informate in tutti gli aspetti della nostra vita è un diritto fondamentale. Una buona informazione che si basa su solide ricerche è pertanto fondamentale.

Ecco perché “ognuno di merita una morte pacifica”.

*Gli autori usano i termini eutanasia e suicidio assistito per intendere la facoltà di un adulto razionale di determinare le proprio scelte di fine vita, generalmente in un contesto di età avanzata o grave malattia come il cancro.

**Nota: Gli autori non hanno alcun accesso, non vendono, possiedono o distribuiscono nessun tipo di farmaco o di sostanza. Vi preghiamo di non chiedere!

C’è aiuto

Qualora non facciate parte del pubblico a cui si rivolgono i nostri manuali o se sentite di aver bisogno di aiuto vi consigliamo di rivolgervi ai seguenti numeri:

Telefono Amico Italia: 199 284 284
Samaritans Onlus: 800 86 00 22

Telefono Amico in Svizzera: telefono 143

I numeri verdi di organizzazioni di altri paesi sono reperibili al seguente link: http://www.suicide.org/international-suicide-hotlines.html